Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Testimonianze Per I Ministri E Per Gli Operai Del Vangelo

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    CAPITOLO 14—ESORTAZIONE ALLA VERITÀ E ALLA LEALTÀ

    “Tutti voi siete fratelli”TMGI 261.1

    8 Marzo 1895TMGI 261.2

    Devo parlare ai miei fratelli vicini e lontani. Non posso stare in silenzio, perché essi non stanno agendo secondo i principi corretti. Quelli che hanno delle responsabilità non devono credere che la loro posizione d’importanza li renda infallibili.TMGI 261.3

    Tutte le opere degli uomini sono sotto la giurisdizione del Signore. Gli uomini saranno al sicuro se si renderanno conto che vi è conoscenza solo nell’Altissimo. Quelli che confidano nel Signore e nella Sua saggezza e non in quella propria, cammineranno su sentieri sicuri. Non si sentiranno mai autorizzati a mettere la museruola al bue che trebbia il grano; eppure quanto è offensivo che gli uomini controllino lo strumento umano che lavora con Dio e che il Signor Gesù ha invitato:TMGI 261.4

    Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre; poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero.TMGI 261.5

    Matteo 11:28-30TMGI 261.6

    Noi siamo, infatti, collaboratori di Dio, voi siete il campo di Dio, l’edificio di Dio.TMGI 261.7

    1 Corinzi 3:9TMGI 261.8

    Il Signore non ha posto nessuno dei Suoi strumenti umani sotto la dittatura e il controllo di quelli che, anche loro, sono mortali e soggetti allo sbaglio. Egli non ha dato agli uomini il potere di dire: Tu devi fare questo e non fare quell’altro. Invece a Battle Creek si esercita un potere che Dio non ha mai dato a nessuno, ma Egli giudicherà coloro che si arrogano tale autorità. Essi hanno lo stesso spirito di Uzzah, il quale pose la mano sull’arca per sostenerla, come se Dio non fosse in grado di prendersi cura dei propri simboli sacri. Il potere e l’autorità dell’uomo verso gli agenti di Dio devono essere esercitati molto meno. Fratelli, permettete che il Signore governi.TMGI 261.9

    Gli articoli di questa sezione provengono da Special Testimonies to Ministers and Workers (Serie A,nr.9, 1897) Questo articolo si trova alle pagine 3:15TMGI 261.10

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents