Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Supplemento Al Commentario Biblico Di (Ellen G. White) Volumi Da 1a7 (Vecchio Testamento)

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 22:1

    Dio permise che le circostanze lo mettessero alla provaCBVT7A 41.5

    Che cosa è la tentazione? È il mezzo per il quale coloro che pretendono d’essere figli di Dio sono provati ed esaminati. Nella Bibbia leggiamo che Dio ha tentato Abramo, e i figli d’Israele. Questo significa che permise che esistessero delle circostanze per mettere alla prova la loro fede, affinché si rivolgessero a Lui in cerca d’aiuto.CBVT7A 41.6

    Il Signore oggi permette che le tentazioni sopravvengano ai suoi figli, affinché si rendano conto che Egli è il loro protettore. Se si avvicinano a Lui quando sono tentati, riceveranno la forza per respingere il male. Ma se si arrendono al nemico trascurando di andare dall’Onnipotente Soccorritore saranno vinti. Si separeranno da Dio. Non dimostreranno di camminare nelle vie di Dio. (ST March 12, 1912).CBVT7A 41.7

    2 — Nulla è troppo prezioso per non darlo a DioCBVT7A 42.1

    La testimonianza di fede di Abramo ci è stata trasmessa per il nostro bene. Ci insegna la grande lezione di fiducia nelle richieste di Dio, non importa quanto urgenti e penose siano; insegna ai figli una perfetta sottomissione ai genitori e a Dio. Con l’obbedienza di Abrahamo ci viene insegnato che nulla è troppo prezioso per noi per non darlo a Dio. (Ibid., Jan 27, 1887).CBVT7A 42.2

    12 - Ogni dono viene dal SignoreCBVT7A 42.3

    La prova data ad Abrahamo fu la prova più severa che essere umano abbia mai potuto sopportare. Se egli avesse fallito, non sarebbe mai stato considerato il padre dei credenti. Se egli avesse rifiutato di fare ciò che Dio gli aveva chiesto, il mondo avrebbe perso un esempio di fede e di obbedienza. Questa lezione fu data affinché questa luce brillasse attraverso i secoli, e i figli di Dio imparassero che nulla è troppo prezioso per non essere restituito a Lui. Noi dobbiamo considerare che ogni dono proviene dal Signore — per essere usato al suo servizio - e per assicurarci le benedizioni del cielo. Più restituiamo al Signore i beni affidatici e più ne riceveremo. Invece, se sottraiamo i doni ricevuti, non riceveremo alcuna ricompensa in questa vita e perderemo la vita futura. (YI June 6, 1901)CBVT7A 42.4

    Isacco una figura di CristoCBVT7A 42.5

    L’offerta di Isacco è stata la prefigurazione del sacrificio del Figlio di Dio. Isacco fu un simbolo del Figlio di Dio, che fu offerto come sacrificio per i peccati del mondo. Dio desiderava imprimere in Abrahamo il Vangelo della salvezza per gli uomini. Al fine di rendere la Verità una realtà e provare la sua fede richiese ad Abrahamo l’uccisione di suo figlio Isacco. Tutta l’agonia che Abramo subì durante questa oscura e terribile prova, aveva lo scopo di imprimere profondamente nella sua mente il piano di redenzione per l’uomo caduto. (lbid. March 1, 1900).CBVT7A 42.6

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents