Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Supplemento Al Commentario Biblico Di (Ellen G. White) Volumi Da 1a7 (Vecchio Testamento)

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 25:10

    L’Anno del giubileoCBVT7A 88.6

    Ogni cinquantesimo anno, l’anno del giubileo, l’eredità della terra doveva essere restituita al suo proprietario originario. Il Signore dichiarò: CBVT7A 88.7

    Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo… In quest'anno del giubileo ciascuno tornerà alle sue proprietà. CBVT7A 88.8

    Così, nella Sua infinita saggezza, il Signore ha educato il Suo popolo. Le Sue condizioni non erano arbitrarie. Relazionata a tutta l’istruzione ricevuta dal popolo, da parte della Sorgente di ogni Luce, come conseguenza vi era o l’obbedienza o la disobbedienza. Fu loro insegnato che l’obbedienza li avrebbe portati alla più ricca spiritualità, e gli avrebbe permesso di distinguere la differenza tra il sacro e il profano. La disobbedienza, anch’essa può portare a un risultato sicuro. Se il popolo avesse scelto di gestire la terra con la propria sapienza, si sarebbero accorti che il Signore non avrebbe mai fatto alcun miracolo per contrastare il male da cui voleva salvarli. Il Signore presentò al Suo popolo la via che doveva seguire se avesse voluto essere una nazione prospera e indipendente. Se avessero obbedito, avrebbero ricevuto pace, salute e prosperità, e la terra avrebbe dato i suoi prodotti sotto la supervisione divina. (MS 121, 1899)CBVT7A 88.9

    18-22 - Le leggi dell’agricoltura e della decima: una provaCBVT7A 89.1

    Il sistema della decima fu istituito dal Signore come miglior mezzo possibile per aiutare il popolo a portare a termine i princìpi della legge. Se il popolo avesse rispettato questa legge, gli sarebbe stata affidata l’intera vigna: tutta la terra.CBVT7A 89.2

    Voi metterete in pratica i miei statuti, e osserverete i miei decreti e li adempirete; così abiterete il paese al sicuro. La terra produrrà i suoi frutti e voi ne mangerete a sazietà, e abiterete in essa al sicuro. Ma se dite: “Che cosa mangeremo il settimo anno, se non semineremo e non raccoglieremo i nostri prodotti?”. Io ho comandato che la mia benedizione venga su di voi il sesto anno, ed esso vi darà un raccolto che basterà per tre anni. Così nell'ottavo anno seminerete e mangerete del vecchio raccolto fino al nono anno; mangerete del vecchio raccolto finché venga il nuovo . (Levitico 25:18-22)CBVT7A 89.3

    Gli uomini, dovevano cooperare con Dio nella restaurazione della salute della terra malata, in modo da glorificare e lodare il nome del Signore. E se la terra che avrebbero posseduto fosse stata curata con abilità e serietà avrebbe prodotto i suoi tesori, cosicché se anche i loro cuori fossero stati guidati da Dio, avrebbero rispecchiato il Suo carattere. Nelle leggi che Dio diede per la coltivazione del suolo, diede al popolo anche la possibilità di vincere il loro egoismo e avere una predisposizione verso le cose celesti. Canaan sarebbe stato il loro Eden, se avessero obbedito alla Parola del Signore. CBVT7A 89.4

    Attraverso di loro, il Signore voleva insegnare a tutte le nazioni del mondo come coltivare la terra, affinché essa potesse dare frutti sani e liberi da malattie. La terra è la vigna del Signore e deve essere trattata secondo i Suoi insegnamenti. Coloro che coltivavano la terra, dovevano rendersi conto che stavano svolgendo un servizio a Dio. Il loro destino e luogo era certo come era certo quello degli uomini designati a ministrare nel tempio come sacerdoti. Il Signore disse al popolo che i Leviti erano un dono per loro, e non importa quale fosse il loro incarico, dovevano aiutare a sostenerli. (Ibid.).CBVT7A 90.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents