Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Principi di educazione cristiana

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    La capacità di pensare e di agire

    Ogni essere umano, creato all’immagine di Dio, è dotato di una facoltà simile a quella del Creatore: l’individualità, la capacità cioè di pensare e di agire. Gli uomini e le donne nei quali è sviluppata questa facoltà, sono persone di grande responsabilità, che promuovono iniziative, che esercitano un influsso sul carattere dei loro simili. È compito della vera educazione sviluppare questa facoltà, aiutare i giovani a pensare e non a riflettere semplicemente il pensiero degli altri. Se gli studenti saranno invogliati a ricercare le sorgenti della verità, a esplorare i vasti campi di ricerca offerti dalla natura e dalla rivelazione, se studieranno le grandi realtà che fanno parte del dovere e del destino, allora la loro mente si svilupperà e si rafforzerà.PEC 11.4

    Invece di persone colte, ma deboli di carattere e di salute, le istituzioni scolastiche dovrebbero formare uomini e donne forti nel pensiero e nell’azione, padroni e non schiavi delle circostanze, che possiedono apertura mentale, chiarezza di pensiero e coraggio delle proprie convinzioni.PEC 11.5

    Una tale educazione rafforza il carattere in modo che la verità e la rettitudine non siano sacrificate al desiderio egoistico o all’ambizione umana. Invece di lasciare che qualche passione dominante diventi una forza distruttrice, ogni movente e ogni desiderio devono essere mossi dall’ubbidienza ai grandi principi della giustizia. Quando la mente si sofferma sulla perfezione del carattere di Dio ne è rinnovata, e lo spirito è ricreato all’immagine divina.PEC 12.1

    Quale educazione può essere più nobile di questa? Quale può eguagliarne il valore?PEC 12.2

    “Non la si ottiene in cambio d’oro, né la si compra a peso d’argento. Non la si acquista con l’oro di Ofir,... la saggezza vale più delle perle”. Giobbe 28:15-18.PEC 12.3

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents