Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Principi di educazione cristiana

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 27: Comportamento

    Il valore della cortesia è troppo poco apprezzato. Molti, pur essendo gentili di cuore, sono privi di maniere cortesi. Tanti, che suscitano rispetto per la loro sincerità e integrità, difettano però di cordialità. Questa mancanza offusca la loro felicità e sminuisce il servizio che possono rendere agli altri.PEC 138.1

    La gioia e la cortesia dovrebbero essere coltivate soprattutto dai genitori e dagli insegnanti. Tutti possono mostrare un’espressione lieta, una voce dal tono gentile, un modo di fare cortese, e questi sono fattori che favoriscono l’autorità. E poiché i bambini sono attratti da un’attitudine gioiosa, manifestate bontà e gentilezza, ed essi manifesteranno lo stesso spirito verso di voi e tra di loro.PEC 138.2

    La vera cortesia non si impara con la semplice pratica di regole convenzionali. Le norme di buona condotta devono essere sempre rispettate, e ogni volta che non è messo in discussione un principio, la considerazione verso gli altri dovrà indurci ad adeguarci alle abitudini generalmente stabilite. La vera cortesia, però, non esige per nulla che si sacrifichino i princìpi alle convenzioni sociali; essa ignora le caste e insegna il rispetto di sé, della dignità dell’individuo e la giusta considerazione per ogni membro della grande famiglia umana.PEC 138.3

    È pericoloso attribuire eccessivo valore alla forma e allo stile, dedicando troppo tempo all’educazione esteriore. La vita d’intenso impegno richiesta a ogni giovane, il compito duro, spesso fastidioso che occorre per svolgere i più comuni doveri della vita, e ancora di più per alleggerire il peso di ignoranza e di miseria che grava sul mondo, lasciano poco spazio alle convenzioni sociali.PEC 138.4

    Molti danno una grande importanza all’etichetta a scapito di tutto ciò che, seppure eccellente, non corrisponde al loro ideale artificioso. Questa è una forma di educazione errata. Alimenta un orgoglio presuntuoso e un gretto esclusivismo.PEC 138.5

    L’essenza della vera cortesia è la considerazione per gli altri. L’educazione indispensabile e duratura è quella che estende le simpatie e incoraggia la gentilezza universale. Quella cosiddetta cultura che non rende i giovani rispettosi verso i genitori, pieni di apprezzamento per le loro qualità, indulgenti verso i loro difetti, pronti a sopperire alle necessità di questi; che non li rende riconoscenti, buoni, generosi e disposti ad aiutare i giovani, i vecchi, i meno fortunati, e non li fa cortesi con tutti, è un vero fallimento.PEC 138.6

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents