Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Primi scritti

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    La porta aperta e la porta chiusa

    Il sabato 24 marzo 1849 avevamo avuto una riunione piacevole e interessante insieme ai fratelli di Topsham, nel Maine. Lo Spirito Santo era sceso su di noi, e io venni condotta dallo Spirito nella città del Dio vivente. Mi fu mostrato che i comandamenti di Dio e la testimonianza di Gesù Cristo relativa alla porta chiusa sono due realtà che non possono essere separate e che il periodo di tempo in cui il popolo di Dio avrebbe accordato ai comandamenti tutta la loro importanza, e sarebbe stato perseguitato a causa della verità del sabato, coincideva con il momento dell'apertura della porta nel luogo santissimo del santuario del cielo, dove c'è l'arca che contiene i dieci comandamenti.PSCR 55.1

    Questa porta fu aperta quando Gesù ebbe compiuto la sua opera di mediazione nel luogo santo del santuario, nel 1844. Fu allora che Gesù si alzò, chiuse la porta del luogo santo e aprì quella del luogo santissimo, passò attraverso la seconda cortina ed è là che si trova ora, accanto all'arca. È là che può raggiungerlo la fede d'Israele.PSCR 55.2

    Vidi che Gesù aveva chiuso la porta del luogo santo, che nessun uomo può aprire, e aveva aperto la porta del luogo santissimo, che nessun uomo può chiudere (Apocalisse 3:7, 8)6Cfr. pagina 95. e vidi che i comandamenti, contenuti nell'arca, risplendevano sul popolo di Dio, che veniva messo alla prova sulla questione del sabato. Vidi che la prova del sabato non si sarebbe verificata fino a quando non si fosse conclusa la mediazione di Gesù nel luogo santo e non fosse passato attraverso la seconda cortina.PSCR 55.3

    Questo spiega perché i cristiani che si erano addormentati prima che la porta del luogo santo venisse aperta, quando il grido di mezzanotte si era concluso, al settimo mese del 1844, e non avevano osservato il sabato, riposavano nella speranza perché non avevano ricevuto la luce sulla verità del sabato così come l'abbiamo noi da quando questa porta è stata aperta. Ho visto che Satana tentava qualche figlio di Dio su questo punto; infatti se molti cristiani si erano addormentati nel trionfo della fede, senza aver osservato il vero sabato, perché ora doveva esserci per noi l'obbligo di osservarlo? I nemici della verità hanno cercato di aprire la porta del luogo santo, che Gesù aveva chiuso, e di chiudere quella del luogo santissimo, che egli aveva aperto nel 1844, dove si trova l'arca contenente le due tavole di pietra sulle quali erano stati scritti i dieci comandamenti con il dito di Dio.PSCR 55.4

    Satana, in questo periodo del suggellamento, sta usando ogni mezzo per distrarre le menti del popolo di Dio dalla verità e farli vacillare. Vidi che Dio proteggeva il suo popolo in questo periodo di profonda angoscia e ogni persona che avesse accettato la verità e avesse il cuore puro, sarebbe stata protetta dall'Onnipotente.PSCR 56.1

    Satana, sapendo tutto questo, faceva il possibile per distogliere il maggior numero di persone dalla verità. Ho visto che il caso dei colpi misteriosi a New York e in altri luoghi era frutto del suo potere, e che esperienze del genere sarebbero diventate sempre più comuni e rivestite da un alone di religiosità per tranquillizzare tutti coloro che si sarebbero lasciati sedurre da tali manifestazioni e per condurre, se fosse stato possibile, le menti del popolo di Dio verso quelle pratiche e portarli a dubitare degli insegnamenti e della potenza dello Spirito Santo.7Cfr. pagina 96.PSCR 56.2

    Ho visto che Satana stava lavorando con l'aiuto dei suoi agenti in molti modi. Lavorava tramite i pastori che avevano rifiutato la verità e si erano lasciati sopraffare al punto da credere alla menzogna e perdersi per sempre. Mentre predicavano o pregavano, alcuni cadevano prostrati e impotenti, non per il potere dello Spirito Santo ma per l'influsso di Satana che agiva attraverso i suoi agenti, e tramite loro sulle persone. Mentre predicavano, pregavano o discutevano, alcuni sedicenti avventisti, che avevano rifiutato la verità presente, usavano l'ipnosi per farsi dei seguaci. Le persone si compiacevano di questi influssi perché pensavano fossero il frutto dello Spirito Santo. Alcuni di coloro che praticavano l'ipnosi erano talmente immersi nelle tenebre che si erano lasciati sedurre dal diavolo al punto da credere che si trattasse dell'opera della potenza di Dio. Avevano abbassato Dio al loro livello e annullato così il suo potere. — Cfr. Appendice, 267, 268.PSCR 56.3

    Alcuni agenti di Satana infierivano sul corpo dei giusti che non riuscivano a ingannare e allontanare dalla verità attraverso un influsso satanico. Oh, se tutti potessero vederlo come Dio me lo ha rivelato, per comprendere meglio l'astuzia di Satana ed essere più attenti! Ho visto che Satana lavorava in questo modo per distrarre, ingannare e scoraggiare il popolo di Dio in questo periodo del suggellamento. Ho visto alcuni che non difendevano la verità: le loro ginocchia tremavano e i loro piedi scivolavano perché non erano fondati sulla verità, e la protezione dell'Onnipotente non poteva preservarli mentre inciampavano.PSCR 56.4

    Satana cercava con tutte le sue arti di trattenerli fino a quando non fosse trascorso il tempo del suggellamento e della protezione accordata da Dio al suo popolo. Allora nulla avrebbe più potuto preservarli dall'ardente collera divina, durante le sette ultime piaghe. Dio ha già iniziato ad accordare questa protezione al suo popolo e presto si estenderà a tutti coloro che avranno bisogno di un rifugio nel giorno della distruzione. Dio interverrà con potenza in favore del suo popolo, ma Satana proseguirà la sua opera malefica. Ho visto che i segni, le manifestazioni misteriose e le false riforme si moltiplicheranno e si diffonderanno ovunque. Le riforme che mi sono state mostrate non consistevano nel combattere l'errore in favore della verità. L'angelo che mi accompagnava mi disse di verificare se gli uomini si preoccupavano ancora della loro salvezza. Guardai ma non vidi nulla, perché il tempo della loro salvezza era passato.8L'autrice non voleva dire che il tempo di grazia fosse finito. Nel momento in cui queste cose furono scritte lei stessa stava lavorando per la salvezza dei peccatori, come ha continuato a fare da allora. Così comprendeva ciò che le era stato presentato. Il primo paragrafo è stato pubblicato nel 1854, e il secondo nel 1888: “Le “false riforme” a cui si fa riferimento si moltiplicheranno con il tempo. La visione si riferisce a coloro che hanno udito il messaggio avventista ma poi lo hanno rifiutato e si sono allontanati per gravi errori. Essi non proveranno più come prima la preoccupazione nei confronti dei peccatori. Essendo stati sopraffatti dagli inganni di Satana, “il tempo della loro salvezza è passato”. Tutto ciò non si applica a coloro che non hanno sentito parlare né hanno rifiutato la dottrina del secondo avvento. “È terribile considerare con leggerezza la verità che ha convinto la nostra ragione e toccato i nostri cuori. Non possiamo rifiutare impunemente gli avvertimenti che Dio ci invia nella sua misericordia. Al tempo di Noè un messaggio è stato comunicato al mondo, e la salvezza degli uomini dipendeva dal modo in cui essi avrebbero risposto a quel messaggio. Avendolo rifiutato, lo spirito di Dio venne ritirato a quella generazione di peccatori ed essi morirono nelle acque del diluvio. Al tempo di Abramo la misericordia divina cessò di intervenire in favore degli abitanti di Sodoma e tutti, eccetto Lot, sua moglie e le due figlie, furono consumati dal fuoco sceso dal cielo. Lo stesso accadde ai giorni di Gesù. Il Figlio di Dio disse agli ebrei increduli di quella generazione: “La vostra casa sta per essere lasciata deserta”. Negli ultimi giorni lo stesso potere infinito dichiara a proposito di quelli “che non hanno aperto il cuore all'amore della verità per esser salvati”: “Perciò Dio manda loro una potenza d'errore perché credano alla menzogna; affinché tutti quelli che non hanno creduto alla verità ma si sono compiaciuti nell'iniquità siano giudicati.” Quando rifiutano gli insegnamenti della sua Parola, Dio ritira il suo Spirito e li lascia a se stessi”.PSCR 57.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents