Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Sulle orme del gran medico

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Vedove e orfani

    Il Signore si preoccupa in modo particolare delle vedove e degli orfani: “Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora”. Salmi 68:5. “Poiché il tuo creatore è il tuo sposo; il suo nome è: il Signore degli eserciti; il tuo redentore è il Santo d’Israele, che sarà chiamato Dio di tutta la terra”. Isaia 54:5.OGM 108.6

    “Lascia i tuoi orfani, io li farò vivere, e le tue vedove confidino in me”. Geremia 49:11.OGM 108.7

    Molti padri, nel momento di separarsi dai loro cari, sono morti serenamente nella certezza della promessa che Dio avrebbe avuto cura di loro. Il Signore non aiuta le vedove e gli orfani con il miracolo della manna che cade dal cielo, o inviando dei corvi a portare loro da mangiare, ma compie un miracolo nel cuore degli uomini cancellando l’egoismo e suscitando l’amore cristiano. Egli affida ai suoi discepoli come un tesoro prezioso — gli scoraggiati e coloro che hanno perso i loro cari e hanno diritto alla nostra simpatia.OGM 108.8

    Nelle case con le migliori comodità, nelle dispense e nei granai dove sono conservate scorte abbondanti, nei magazzini pieni di tessuti e nelle casseforti con l’oro e l’argento Dio ha provveduto i mezzi di sostentamento anche per coloro che sono in difficoltà. Egli ci chiama a essere dei canali della sua bontà.OGM 109.1

    Molte vedove, insieme ai loro figli, lottano coraggiosamente per portare la loro duplice responsabilità, lavorando spesso al di là delle loro forze per poter tenere con sé i loro piccoli e provvedere alle loro necessità. Hanno poco tempo per educarli e poche possibilità per offrire loro quelle cose che potrebbero rallegrare la vita. Per questo hanno bisogno di incoraggiamento, simpatia e aiuti concreti.OGM 109.2

    Dio ci invita, per quanto è possibile, a colmare il vuoto lasciato dal padre. Invece di mantenere le distanze e prendere semplicemente atto di ciò di cui non dispongono e delle difficoltà che devono affrontare, aiutiamoli in ogni modo possibile, cerchiamo di assistere la madre stremata per la fatica condividendo le sue responsabilità.OGM 109.3

    Vi sono molti bambini, privi della guida dei loro genitori e dell’influsso positivo di una famiglia cristiana. I credenti devono aprire il loro cuore e le loro case a coloro che soffrono. L’opera che Dio ha affidato loro, come compito personale, non dovrebbe essere trasmessa a qualche istituzione di beneficenza o lasciata all’eventuale gesto generoso di qualche sconosciuto. Se dei bambini non hanno parenti che possano avere cura di loro, i membri di chiesa devono assicurargli una casa. Il Creatore ha stabilito che vivessimo nell’ambito di un nucleo familiare, perché nell’atmosfera affettuosa di una famiglia cristiana il carattere dei bambini si svilupperà nel modo migliore. Molti che non hanno figli potrebbero fare un’opera buona in favore dei figli di altri. Invece di trascorrere il tempo prendendosi cura degli animali potrebbero dedicarsi ai bambini, cercando di formare il loro carattere secondo il modello divino. Ecco l’occasione per manifestare il vostro amore per delle creature che non hanno famiglia: quanti bambini potete condurre al Signore. Molti ne riceverebbero un vero beneficio personale.OGM 109.4

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents