Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

I tesori delle testimionianze 1

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Un’angoscia inesprimibile

    Possiamo avere solo una pallida idea dell’inesprimibile angoscia del Figlio di Dio nel Getsemani, quando egli sentì la sua separazione dal Padre a causa del peccato dell’uomo. Egli aveva assunto questa responsabilità per l’umanità decaduta. La sensazione di abbandono da parte del Padre suggeriva al suo spirito queste parole angosciate: “...L’anima mia è oppressa da tristezza mortale... se è possibile, passi oltre da me questo calice!” Poi, con assoluta sottomissione alla volontà del Padre: “Ma pure, non come voglio io” disse “ma come tu vuoi”. Matteo 26:38, 39.TT1 157.6

    Il divino Figlio dell’Altissimo era allo stremo delle forze. Il Padre, allora, inviò un suo messaggero perché lo incoraggiasse e lo aiutasse a percorrere la via del sacrificio. Se gli uomini avessero potuto vedere la sorpresa e la tristezza delle schiere angeliche mentre in silenzio osservavano il Padre che privava il Figlio della sua luce, del suo amore e della sua gloria, avrebbero compreso meglio quanto il peccato fosse insopportabile agli occhi di Dio. La spada della giustizia si abbatteva sull’Unigenito che, tradito con un bacio e consegnato nelle mani dei nemici, fu trascinato davanti a un tribunale terreno dove fu deriso e condannato a morte. Il Figlio di Dio fu “...trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità...” Egli sopportò insulti, scherni e oltraggi: “...tanto era disfatto il suo sembiante sì da non parer più un uomo, e il suo aspetto sì da non parer più un figliuol d’uomo”. Isaia 53:5; 52:14.TT1 158.1

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents