Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Supplemento Al Commentario Biblico Di (Ellen G. White) Volumi Da 1a7 (Vecchio Testamento)

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Capitolo 14:11

    Dio collaborerà con noi se avremmo fiducia in Lui. CBVT7A 260.3

    Allora Asa gridò all'Eterno, il suo DIO e disse: «O Eterno, non c'è nessuno all'infuori di te che possa venire in aiuto nel combattimento tra uno potente e uno che è privo di forza. Soccorrici, o Eterno, nostro DIO, perché noi ci appoggiamo su di te e andiamo contro questa moltitudine nel tuo nome. O Eterno, tu sei il nostro DIO; non permettere che l'uomo prevalga su di te!” .CBVT7A 260.4

    Ė molto appropriato elevare una preghiera così. Le nostre prospettive sono tutt’altro che lusinghiere. CBVT7A 260.5

    Ci sono grandi forze mobilitate contro la Verità, e che dobbiamo affrontare per far conoscere la luce agli altri. La nostra speranza non risiede nella nostra conoscenza della Verità o nelle nostre capacità, ma nel Dio vivente. Si deve avere una fede vivente affinché il Dio potente manifesti la Sua potenza, altrimenti subiremo un totale fallimento. Dio sconfisse i nemici d’Israele, disperdendo le loro forze, ed essi fuggirono senza sapere dove andavano. Chi può resistere davanti al Signore, Dio d’Israele?CBVT7A 261.1

    Ora noi non lottiamo contro carne e sangue, ma contro i principati, contro le potestà e le malvagità spirituali nei luoghi celesti. Il Signore ci incoraggia a guardare a Lui come la fonte della nostra forza, Colui che è in grado di aiutarci. Noi possiamo ricorrere agli uomini, e loro ci daranno dei consigli, ma i loro consigli possono fallire; ma quando il Signore, il Dio d’Israele si mette dalla nostra parte ci porterà al successo. Abbiamo bisogno di sapere se siamo giusti davanti a Dio, perché se non lo siamo, dobbiamo sforzarci e impegnarci per avere un giusto rapporto con Lui. Individualmente, dobbiamo fare qualcosa per noi stessi. Non possiamo rischiare i nostri interessi eterni nel dipendere da supposizioni. Dobbiamo mettere tutto in ordine; dobbiamo ubbidire alle richieste di Dio e aspettare che Lui cooperi coi nostri sforzi. CBVT7A 261.2

    Porgete orecchio, voi tutti di Giuda, e voi abitanti di Gerusalemme, e tu, o re Giosafat! Così vi dice il SIGNORE: Non temete e non vi sgomentate a causa di questa gran moltitudine; poiché questa non è battaglia vostra, ma di Dio. 2 Cronache 20:15 CBVT7A 261.3

    Dio opera in noi mediante la luce della Sua Verità. Ė necessario essere obbedienti a tutti i Suoi comandamenti. Magari potessimo tenere in considerazione che l’opera alla quale ci dedichiamo non è nostra, ma di Dio, e che noi siamo soltanto i suoi umili strumenti, i suoi collaboratori, e con lo sguardo rivolto alla gloria di Dio non confondiamo il principio della vita cristiana con la sua consumazione, bensì guardiamo alla necessità di educarci qui sulla terra per prepararci a fare la volontà di Dio. Non dobbiamo esaltarci né essere vanagloriosi, ma confidare in Dio sapendo che Lui è disposto ad aiutarci e che può farlo. Dio desidera collaborare con il Suo popolo, tuttavia abbiamo bisogno di essere nella condizione in cui la nostra fede e dipendenza arrivi ad essere ferma in Lui. (RH May 10, 1887)CBVT7A 261.4

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents