Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Sulle orme del gran medico

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    La famiglia

    Capitolo 28: Il ruolo della famiglia

    Il rinnovamento e il progresso dell’umanità inizia in famiglia. L’opera dei genitori è fondamentale.OGM 189.1

    La società è composta da famiglie, chi le guida influirà sulla sua essenza. È dal cuore che scaturiscono “le sorgenti della vita” (cfr. Proverbi 4:23) e il cuore della società, della chiesa o della nazione è la famiglia. Il benessere della società, i progressi della chiesa, la prosperità dello stato dipendono dall’influsso familiare.OGM 189.2

    La vita di Gesù offre un esempio dell’importanza e delle opportunità della vita familiare. Colui che è venuto dal cielo per essere il nostro esempio e il nostro maestro è stato per trent’anni membro di una famiglia di Nazaret. Il racconto biblico relativo a questi anni è molto sintetico. Nessun grande miracolo attrasse l’attenzione delle folle ed esse non lo seguivano né lo ascoltavano. Tuttavia anche in quegli anni il Cristo realizzò il piano divino. Visse come uno di noi, partecipando alla vita familiare, sottoponendosi alla disciplina, compiendo i propri doveri e assumendo le proprie responsabilità. Membro di una famiglia semplice, condividendo le esperienze della natura umana “...cresceva in sapienza, in statura e in grazia davanti a Dio e agli uomini”. Luca 2:52.OGM 189.3

    In quegli anni di vita in famiglia manifestò simpatia e solidarietà. Il suo spirito di sacrificio, la sua paziente tolleranza, il suo coraggio, la sua onestà, la sua resistenza alle tentazioni, la sua costante serenità e la sua allegria erano fonte di ispirazione. Creava intorno a sé un’atmosfera pura e dolce e la sua presenza nella società aveva la funzione del lievito. Non compiva miracoli ma infondeva nei tentati, nei malati e negli scoraggiati la forza guaritrice e vivificante dell’amore. Fin da bambino aiutò gli altri e per questo quando iniziò la sua opera molti lo ascoltavano con piacere. I primi anni del Salvatore offrono un esempio ai giovani e costituiscono fonte di incoraggiamento per ogni genitore. La famiglia e i vicini sono il primo luogo d’azione per tutti coloro che vogliono impegnarsi in favore del prossimo. Nessuna sfera d’azione è più importante di quella che è affidata a coloro che hanno fondato e curano la famiglia. Tra le responsabilità che spettano agli uomini, non ve ne sono altre che implichino conseguenze più estese e fondamentali di quelle che hanno i genitori.OGM 189.4

    I giovani oggi determinano quella che sarà la società del futuro e l’avvenire dei nostri figli e dei nostri giovani dipende dalla famiglia in cui essi crescono. La malattia, la miseria e il crimine che affliggono l’umanità derivano soprattutto dalla mancanza di una vera educazione familiare. Se la vita della famiglia fosse pura e sana, se i figli vi fossero preparati alle responsabilità e ai pericoli della vita, quale cambiamento si realizzerebbe nel mondo!OGM 189.5

    Un grande impegno, investimenti di tempo, denaro e sforzi per attività e strutture sono spesi per la riabilitazione delle vittime di cattive abitudini, ma tutti questi sforzi sono inadeguati a soddisfare queste esigenze fondamentali. I risultati sono scarsi e poche persone vengono recuperate definitivamente.OGM 190.1

    Molti desiderano condurre una vita migliore ma non hanno il coraggio e la forza per rinunciare ai propri vizi. Non vogliono impegnarsi, lottare, manifestare spirito di sacrificio e la loro vita è spezzata, rovinata. Anche uomini dall’intelligenza brillante, dalle aspirazioni nobili e dalle notevoli capacità che potrebbero occupare posti di fiducia e responsabilità sono vittime della degradazione e non riportano vittorie né per questa vita né in vista di quella futura.OGM 190.2

    È dura la lotta per coloro che desiderano riconquistare la propria dignità. Molti raccolgono i frutti di ciò che hanno seminato durante la loro esistenza con cattiva salute, scarsa volontà, intelligenza poco sviluppata e mancanza di forza morale. Si potrebbero ottenere risultati migliori se si agisse subito contro il male.OGM 190.3

    Quest’opera spetta soprattutto ai genitori. Si raggiungerebbero risultati cento volte superiori se al posto dei tentativi che si fanno per fermare il progredire dell’intemperanza e di altri problemi che consumano la società come un cancro, si insegnasse ai genitori come formare le abitudini e il carattere dei figli. Essi hanno il potere di orientare le loro abitudini verso il bene e non verso le terribili conseguenze del male. È come se avessero fra le mani le acque di un torrente, alla sorgente, e potessero imprimergli la giusta direzione.OGM 190.4

    I genitori hanno la possibilità di creare per i loro figli i presupposti per una vita sana e felice: possono ispirare in loro quella forza morale che li aiuta a resistere alla tentazione, con il coraggio e la forza di lottare per affrontare i problemi quotidiani. Possono anche suscitare in loro dei buoni propositi e il desiderio di onorare Dio e aiutare il prossimo con la loro esistenza. I genitori hanno il privilegio di tracciare per i loro figli quel sentiero che si inserisce fra il sole e le ombre della vita e conduce verso il glorioso regno di Dio. La missione della famiglia va oltre le possibilità dei suoi membri. La famiglia cristiana sarà una dimostrazione concreta dei veri principi della vita e questo esempio rappresenterà una forza positiva per il mondo. L’influsso di una vera famiglia sul cuore e sulla vita umana è più potente di qualsiasi sermone. Lasciando questo tipo di nucleo familiare i giovani trasmettono ciò che hanno imparato, introducono in altre famiglie i principi di vita più nobili e la società ne risulta elevata.OGM 190.5

    La nostra famiglia potrebbe diventare fonte di benedizioni anche per altri. Le nostre relazioni sociali non siano dettate dalle usanze del mondo, ma dallo Spirito del Cristo e dagli insegnamenti della sua Parola. Gli israeliti invitavano a tutte le loro feste il povero, lo straniero e il levita, che officiava nel tempio e aveva l’incarico di istruire il popolo. A ogni festa sociale o religiosa, tutti venivano considerati ospiti del popolo, e se si ammalavano o si trovavano in difficoltà, ci si prendeva cura di loro con sollecitudine. Sono persone simili che dovremmo accogliere nelle nostre case. Questo riempirebbe di gioia e coraggio l’infermiera missionaria o l’insegnante, la madre di famiglia piena di preoccupazioni e di lavoro, la persona stanca o anziana spesso senza famiglia che lotta contro la povertà e lo scoraggiamento. “...Quando tu fai un pranzo o una cena” dice il Cristo “non invitare i tuoi amici, né i tuoi fratelli, né i tuoi parenti, né i vicini ricchi; perché essi potrebbero a loro volta invitare te, e così ti sarebbe reso il contraccambio; ma, quando fai un convito, chiama poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato, perché non hanno modo di contraccambiare; infatti il contraccambio ti sarà reso alla risurrezione dei giusti”. Luca 14:12-14. Questi sono ospiti facili da ricevere senza particolari preoccupazioni, senza pasti complicati e costosi. Non avrete bisogno di prevedere nessuna forma di ostentazione. Un’accoglienza calorosa e confortante, un posto al caldo, una sedia alla vostra tavola, la gioia di partecipare alla benedizione del culto di famiglia saranno per molti di loro come un raggio della luce divina.OGM 191.1

    Le nostre simpatie devono oltrepassare i limiti dell’io” e le mura della nostra casa. Occasioni preziose vengono offerte a coloro che desiderano che le loro case irradino gioia e felicità. Questa è un’occasione meravigliosa che possiamo utilizzare, se vogliamo aiutare il nostro prossimo. L’influsso sociale è una forza meravigliosa: possiamo usarlo, se vogliamo, per aiutare coloro che ci circondano.OGM 191.2

    Le nostre case dovrebbero rappresentare un luogo di rifugio per la gioventù esposta alle tentazioni. Molti giovani si trovano davanti a un bivio. Ogni influsso, ogni impressione ricevuta determinano scelte che condizionano il loro destino presente e futuro. Il male li sollecita; esso riveste per loro le forme più seducenti e accattivanti. I giovani senza famiglia, e quelli che non ricevono dalla loro famiglia nessun sostegno morale e nessun incoraggiamento soccombono davanti alla tentazione, essi vanno incontro alla rovina e questo accade davanti alla porta delle nostre case.OGM 191.3

    Questi giovani hanno bisogno che si tenda loro una mano con simpatia. Parole amabili espresse con semplicità e piccole attenzioni dissiperanno la tentazione che li assale. La comprensione di un vero cristiano ha il potere di aprire i cuori, soprattutto di coloro che hanno bisogno di ascoltare parole buone e sentire il contatto semplice e delicato dell’amore del Cristo. Se volessimo manifestare interesse per i nostri giovani, invitandoli nelle nostre case e circondandoli di conforto e affetto, molti ragazzi e ragazze intraprenderebbero con gioia il sentiero che conduce verso il cielo.OGM 191.4

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents