Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Sulle orme del gran medico

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    La confessione dei peccati

    È necessario far comprendere ai malati che desiderano che si preghi per la loro guarigione che il peccato è la violazione della legge di Dio, sia spirituale sia naturale, e per ricevere la sua benedizione si deve confessare il peccato e rinunciarvi. La Parola di Dio ordina: “Confessate dunque i vostri peccati gli uni agli altri, pregate gli uni per gli altri affinché siate guariti...” Giacomo 5:16. Dobbiamo dire a chi ci chiede di pregare per lui: “Non possiamo leggere nel tuo cuore o conoscere i segreti della tua vita: solo Dio ne è al corrente. Se ti penti dei tuoi peccati devi confessarli”. Se vi pentite dei vostri peccati dovete confessarli al Cristo, l’unico mediatore fra Dio e l’uomo perché “...se qualcuno ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo, il giusto”. 1 Giovanni 2:1. Ogni peccato è un’offesa a Dio e deve essere confessato tramite il Cristo. Ogni peccato pubblico, però, deve essere confessato pubblicamente e il torto fatto a qualcuno deve essere riparato tramite un’intesa fra le parti. Se chi cerca la guarigione ha peccato di maldicenza, se è stato la causa di discordie in famiglia, fra i vicini o in chiesa, se ha suscitato odio, se con le sue azioni ha indotto altri a peccare, tutto deve essere confessato a Dio e a coloro che sono stati offesi. “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità”. 1 Giovanni 1:9.OGM 125.2

    Quando i torti sono stati riparati possiamo presentare serenamente le richieste del malato a Dio in preghiera. Egli conosce tutti per nome e ha cura di ognuno come se avesse offerto suo Figlio solo per lui. Il fatto che l’amore di Dio sia così grande e fedele dovrebbe incoraggiare il malato ad avere fiducia in lui. Vivere in funzione di se stessi indebolisce e predispone alla malattia. Se si riesce a superare la depressione dell’animo, aumentano le possibilità di guarigione perchè “...l’occhio del Signore è su quelli che lo temono, su quelli che sperano nella sua benevolenza”. Salmi 33:18.OGM 125.3

    Quando dobbiamo pregare per i malati dobbiamo ricordare che “...non sappiamo pregare come si conviene...” Romani 8:26. Poiché non sappiamo se la grazia che chiediamo sia in vista del bene o del male, le nostre preghiere dovrebbero prevedere questo pensiero: “Signore tu conosci ogni segreto dell’anima. Tu conosci le persone per le quali preghiamo. Gesù è il loro avvocato e ha dato la sua vita per loro. Il suo amore è più grande del nostro. Perciò se tutto questo è per la tua gloria e per il bene di coloro che soffrono noi ti chiediamo nel nome di Gesù che possano recuperare la salute. Se non è la tua volontà che guariscano, ti chiediamo che la tua grazia li conforti e la tua presenza li sostenga nelle loro sofferenze”.OGM 126.1

    Dio conosce la fine fin dal principio: egli conosce il cuore dell’uomo, legge i segreti dell’animo, è in grado di capire se coloro per i quali preghiamo sarebbero o meno capaci di sopportare le prove che li attendono nella vita e se la loro vita sarebbe una benedizione o una maledizione per loro stessi e per il mondo. Questa è la ragione per cui presentando seriamente a Dio le nostre richieste dovremmo dire: “...Però non la mia volontà, ma la tua sia fatta”. Luca 22:42. Gesù pronunciò queste parole di ubbidienza alla volontà e alla saggezza di Dio quando nel giardino del Getsemani implorava: “...Padre mio, se è possibile, passi oltre da me questo calice!...” Matteo 26:39.OGM 126.2

    E se queste parole erano opportune per lui, il Figlio di Dio, quanto più sono adatte per essere umani limitati e mortali.OGM 126.3

    Ciò che più si addice a un cristiano è assecondare i desideri del Padre onnisciente e affidare tutto a lui con perfetta fiducia. Sappiamo che Dio ci ascolta se le nostre richieste sono in armonia con la sua volontà. Ma non è giusto insistere a pregare senza manifestare uno spirito di sottomissione. Le nostre preghiere devono essere di intercessione e non trasmettere degli ordini.OGM 126.4

    Vi sono casi in cui Dio opera chiaramente tramite la sua potenza divina accordando la salute. Ma non tutti i malati vengono guariti. Dio lascia che molti si addormentino in Cristo. Giovanni sull’isola di Patmos ricevette l’ordine di scrivere: “...Beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono”. Apocalisse 14:13.OGM 126.5

    Questo significa che se alcuni non sono stati guariti non vuol dire che devono essere giudicati privi di fede.OGM 126.6

    Tutti vorremmo risposte immediate e dirette alle nostre preghiere e siamo tentati di scoraggiarci quando non otteniamo risposta o essa è diversa da quella che avremmo desiderato. Ma Dio è troppo saggio e buono per rispondere alle nostre preghiere proprio nel modo e nel momento che desideriamo. Egli vuole per noi molto di più dell’esaudimento di tutti i nostri desideri. Dobbiamo avere fiducia nella sua saggezza e nel suo amore e quindi non chiedergli semplicemente ciò che vorremmo ma cercare di capire i suoi piani e realizzarli. Dovremmo annullare nella sua volontà i nostri desideri e i nostri interessi. Le esperienze che mettono alla prova la nostra fede ci fanno del bene; possiamo renderci conto se la nostra fede è autentica, sincera e basata sulla Parola di Dio o se, dipendendo dalle circostanze, risulta incerta e variabile. La fede si rafforza esercitandola. È importante sviluppare la pazienza ricordando che nelle Sacre Scritture si possono trovare promesse straordinarie per coloro che confidano in Dio.OGM 126.7

    Non tutti comprendono la logica divina. Molti di coloro che cercano la grazia risanatrice del Signore pensano che se non ricevono una risposta immediata e diretta alle loro preghiere è perché non hanno fede. Per questo chi è già colpito dalla malattia deve essere consigliato e poi agire con prudenza. Egli non deve trascurare i propri doveri nei confronti degli amici che gli sopravviveranno, né trascurare i metodi naturali per recuperare la salute.OGM 127.1

    Spesso si commette un errore: credendo di dover essere guariti in risposta alle preghiere, alcuni temono di fare qualsiasi cosa possa sembrare un’espressione di mancanza di fede. Invece non dovrebbero trascurare di organizzare i loro affari in vista della morte, né temere di pronunciare quelle parole di conforto o consiglio che rivolgerebbero ai loro cari nella prospettiva di doverli lasciare.OGM 127.2

    Chi ricerca la guarigione tramite la preghiera non dovrebbe dimenticare i rimedi naturali che sono a sua disposizione. Utilizzare i rimedi che Dio ha previsto per alleviare il dolore e aiutare la natura a svolgere la sua opera risanatrice non significa rinnegare la fede.OGM 127.3

    Chi collabora con Dio e si mette nelle condizioni più favorevoli in vista della guarigione non può essere accusato di mancare di fede. Dio ci ha offerto la possibilità di conoscere le leggi della vita. Questa conoscenza è stata messa a nostra disposizione perché potessimo utilizzarla.OGM 127.4

    Dobbiamo esplorare ogni possibilità per guarire, approfittare di tutto ciò che può apportare un giovamento in armonia con le leggi della natura. Dopo aver pregato per la guarigione del malato possiamo agire con maggiore impegno, ringraziando Dio per il privilegio che abbiamo di lavorare con lui e chiedendo di benedire gli strumenti che egli ha messo a nostra disposizione.OGM 127.5

    I rimedi naturali sono previsti nella Parola di Dio. Ezechia, re d’Israele era malato e un profeta di Dio gli annunciò che sarebbe morto. Egli pregò il Signore, che lo ascoltò e gli disse che gli sarebbero stati accordati ancora quindici anni di vita. Dio avrebbe potuto guarirlo all’istante e invece gli venne consigliata una terapia da seguire: “...Si prenda un impiastro di fichi secchi, lo si applichi sull’ulcera e il re guarirà”. Isaia 38:21.OGM 127.6

    In un’altra occasione Gesù spalmò del fango sugli occhi di un cieco e gli disse: “...Va’, lavati nella vasca di Siloe... Egli dunque andò, si lavò, e tornò che ci vedeva”. Giovanni 9:7.OGM 128.1

    La guarigione poteva avvenire unicamente per la potenza del grande Medico, ma Gesù utilizzò semplici metodi naturali.OGM 128.2

    Dopo aver pregato per la guarigione del malato, qualunque sia il risultato, non dobbiamo perdere la fede in Dio. Se dobbiamo affrontare la perdita dei nostri cari accettiamo di bere dal calice amaro sapendo che la mano del Padre lo sostiene sulle nostre labbra. Ma se il malato si riprende è importante ricordare che chi riceve la grazia ha degli obblighi nei confronti del Creatore.OGM 128.3

    Quando i dieci lebbrosi furono guariti soltanto uno tornò indietro per cercare Gesù e ringraziarlo. Nessuno di noi assomigli agli altri nove, insensibili alla grazia di Dio. “Ogni cosa buona e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre degli astri luminosi presso il quale non c’è variazione né ombra di mutamento”. Giacomo 1:17.OGM 128.4

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents