Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

Sulle orme del gran medico

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    Una prova di carattere

    “Poiché i poveri li avete sempre con voi; quando volete, potete far loro del bene...” Marco 14:7.OGM 110.5

    “La religione pura e senza macchia davanti a Dio è questa: soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni, e conservarsi puri dal mondo”. Giacomo 1:27.OGM 110.6

    Il Cristo mette alla prova coloro che si professano suoi discepoli, affidando loro la cura dei deboli e dei poveri che hanno bisogno del loro aiuto. Amando e aiutando i sofferenti dimostriamo il nostro amore per lui. Se li trascuriamo siamo falsi discepoli, estranei al Cristo e al suo amore. Dopo aver trovato un rifugio per gli orfani nelle famiglie rimangono sempre tanti bambini che hanno bisogno di cure. Molti hanno ricevuto una cattiva eredità morale, non promettono niente di buono, sono poco attraenti fisicamente e a volte anche intrattabili. Ma anche loro sono stati salvati dal sacrificio del Cristo e per lui sono preziosi quanto lo sono per noi i nostri figli. Se non li aiutiamo cresceranno nell’ignoranza e piano piano sceglieranno di vivere nel vizio e nella violenza. Molti di questi bambini potrebbero essere salvati se venissero accolti in un orfanotrofio.OGM 110.7

    Queste strutture, perché possano essere efficaci, dovrebbero essere organizzate sul modello di una famiglia cristiana. Invece di prevedere grandi edifici, in cui vengono riuniti un gran numero di bambini, dovrebbero essere di piccole dimensioni e sistemati in zone adeguate. Non dovrebbero essere costruiti nelle grandi città ma in campagna, dove ci sarà del terreno da coltivare e dove i ragazzi saranno a contatto con la natura e godranno dei vantaggi dell’insegnamento pratico di un mestiere.OGM 111.1

    Coloro che dirigono questi istituti devono essere uomini e donne buoni, ben preparati e altruisti, che intraprendano quest’opera per amore del Cristo ed educhino per lui questi bambini. Su queste basi molti ragazzi abbandonati e orfani potranno prepararsi per essere in futuro degli elementi utili della società, per fare onore al Cristo e a loro volta aiutare altri.OGM 111.2

    Molti disprezzano il risparmio, confondendolo con l’avarizia e la grettezza. Ma lo spirito di sacrificio può collegarsi con la generosità. Senza risparmio non può esservi vera generosità e dobbiamo risparmiare per poter donare.OGM 111.3

    Nessuno può essere generoso senza spirito di sacrificio. Solo grazie a una vita di generosità, di rinuncia e di economie sarà possibile compiere l’opera che ci è stata affidata come rappresentanti del Cristo. Non dobbiamo nutrire superbia e ambizione. Dobbiamo agire secondo i principi della vera abnegazione che sono stati rivelati da Gesù nel corso della sua esistenza. Sulle pareti della nostra casa, sui quadri, sui mobili dovremmo leggere: “Conduci a casa tua gli infelici”; sui nostri armadi dovremmo vedere, come se fosse scritto con il dito di Dio: “Vesti coloro che sono nudi”; nella sala da pranzo, sulla tavola dovremmo scorgere il messaggio “dividi il tuo pane con chi ha fame”. Cfr. Isaia 58:7.OGM 111.4

    Sono tante le occasioni per essere utili. Spesso ci lamentiamo di non avere mezzi sufficienti a nostra disposizione, ma se i cristiani fossero veramente onesti potrebbero moltiplicare i loro mezzi. Solo l’egoismo e la pigrizia ci impediscono di renderci utili.OGM 111.5

    Quanto spreco per cose che sono soltanto idoli: assorbono pensieri, tempo e forze che dovremmo usare in modo più saggio. Quanto denaro viene sprecato per abitazioni, mobili costosi, piaceri egoistici, cibi sofisticati e non sani, e per soddisfare desideri inutili. Quanto sprechiamo in regali che non servono a nessuno. Uomini che si professano cristiani investono per cose non necessarie, spesso dannose, molto più di quanto sarebbero disposti a fare per la salvezza degli uomini. Molt i cosiddetti cristiani spendono così tanto nell’abbigliamento che non rimane loro nulla per aiutare gli altri. Pensano di avere il diritto di usare ornamenti preziosi e abiti di lusso senza rispetto per coloro che riescono con difficoltà a procurarsi anche i vestiti più modesti.OGM 111.6

    Care sorelle, se foste disposte a mettere in pratica i principi biblici per quanto riguarda l’abbigliamento avreste molte possibilità per aiutare le sorelle più povere. Non solo potreste disporre dei mezzi ma anche del tempo. Spesso è ciò che manca di più. Potreste aiutare molte donne con consigli, tatto e abilità, indicando loro come possono vestirsi con semplicità e buon gusto. Molte donne non frequentano la casa di Dio perché i loro abiti logori e poco eleganti contrastano troppo con quelli delle altre. Molte persone sensibili considerano un’ingiustizia questi contrasti, si sentono profondamente umiliate e quindi dubitano del valore della religione, tanto che il loro cuore non si apre al messaggio del Vangelo.OGM 112.1

    Gesù ordina: “...Raccogliete i pezzi avanzati, perché niente si perda”. Giovanni 6:12.OGM 112.2

    Mentre ogni giorno muoiono migliaia di uomini a causa di carestie, massacri, incendi ed epidemie è nostro dovere non spendere il denaro in cose inutili e non sperperare ciò che potrebbe essere importante per altri. Non è giusto sprecare il nostro tempo e i nostri pensieri. Ogni attimo vissuto all’insegna dell’egoismo è perduto. Se si valutasse e si utilizzasse in modo corretto il tempo a nostra disposizione ne avremmo a sufficienza per tutto ciò che dobbiamo fare per noi stessi e per gli altri. Ogni cristiano deve lasciarsi guidare da Dio per l’uso del denaro e del tempo, delle energie e delle occasioni. “Se poi qualcuno di voi manca di saggezza, la chieda a Dio che dona a tutti generosamente senza rinfacciare, e gli sarà data”. Giacomo 1:5.OGM 112.3

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents