Loading...
Larger font
Smaller font
Copy
Print
Contents

I tesori delle testimionianze 2

 - Contents
  • Results
  • Related
  • Featured
No results found for: "undefined".
  • Weighted Relevancy
  • Content Sequence
  • Relevancy
  • Earliest First
  • Latest First
    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents

    L’opera dei genitori

    I genitori i cui figli desiderano essere battezzati hanno un compito da assolvere sia nell’esame di se stessi, sia nell’impartire ai figli un’accurata istruzione. Il battesimo è una cerimonia particolarmente sacra e importante; perciò il suo significato deve essere perfettamente capito. Esso vuol dire pentirsi del peccato ed entrare in una nuova vita in Cristo Gesù. Non ci deve essere eccessiva fretta di ricevere il battesimo: genitori e figli debbono valutarne bene la portata e le conseguenze. Acconsentendo al battesimo dei figli, i genitori si impegnano solennemente a essere le loro fedeli guide, aiutandoli nella formazione del loro carattere. Si impegnano a custodire con particolare interesse questi agnelli della greggia affinché non arrechino disonore alla fede che professano.TT2 257.5

    Occorre impartire ai fanciulli l’istruzione religiosa sin dai loro primi anni. Essa, però, non va data con spirito di condanna, bensì con spirito di serena gioia. Le madri devono stare sempre all’erta perché la tentazione si presenta in forma tale da non essere facilmente riconosciuta. I genitori, quindi, debbono aver cura dei figli mediante un’istruzione saggia e allo stesso tempo lieta. Debbono essere i migliori amici di questi inesperti e assisterli nei loro sforzi tesi verso il conseguimento della vittoria, perché per loro vincere è tutto. Debbono considerare che i loro cari figli, che cercano di agire rettamente, sono i membri più giovani della famiglia del Signore, e dovrebbero perciò provare un vivo interesse nell’aiutarli a calcare il retto cammino dell’ubbidienza a Dio. Con amorevole premura debbono insegnar loro giorno per giorno, cosa vuol dire essere figliuoli di Dio e sottomettere la propria volontà a lui. Insegnate loro che questa ubbidienza implica anche quella verso i genitori. E’ un’opera di ogni giorno, di ogni ora. Genitori, vegliate, vegliate e pregate e siate dei veri compagni per i vostri figli.TT2 257.6

    Quando giunge il momento più felice della loro vita ed essi amano Gesù con tutto il cuore e desiderano essere battezzati, comportatevi con loro con la massima lealtà. Prima della cerimonia chiedete loro se il loro primo proposito nella vita è di lavorare per Dio. Quindi fate loro conoscere come debbono comportarsi. Le prime lezioni sono quelle che hanno la maggiore importanza. Istruiteli con semplicità sul modo di svolgere il loro primo servizio per Dio. Che il compito sia loro spiegato in modo che possano capirlo perfettamente. Fate loro capire che cosa vuol dire abbandonarsi al Signore, agire secondo le indicazioni della sua Parola, sorretti dal consiglio di genitori cristiani.TT2 258.1

    Dopo un’opera accurata, se vi sentite soddisfatti del modo come i vostri figli hanno afferrato il significato della conversione e del battesimo e sono realmente convertiti, lasciate che siano battezzati. Però, lo ripeto, preparatevi ad agire come dei fedeli pastori, dirigendo i loro passi ancora inesperti lungo lo stretto sentiero dell’ubbidienza. E’ indispensabile che Dio operi nei genitori perché questi possano dare ai figli un giusto esempio di amore, di gentilezza e di umiltà cristiana e di un totale abbandono di se stessi a Cristo. Se acconsentite che i vostri figli siano battezzati e poi lasciate che essi agiscano come meglio credono, senza sentire nessun particolare dovere di mantenerli nella retta via, voi stessi sarete responsabili qualora essi dovessero perdere la fede, il coraggio e l’interesse per la verità.TT2 258.2

    Larger font
    Smaller font
    Copy
    Print
    Contents